MINDHUNTER SERIE TV. Nella seconda stagione, su Netflix, la caccia si sposterà anche nella mente di Charles Manson. Scopri la serie rivelazione del Crime!

spin off

Ambientato nel 1977. Il negoziatore FBI Holden Ford e il suo collega Bench hanno un’intuizione. Scoprire cosa c’è nella testa dei serial killer più efferati degli Stati Uniti d’America. La convinzione è mettere a sistema uno studio che dia le guide dell’analisi delle menti assassine seriali. Il primo passo per l’America criminologica di oggi.

MINDHUNTER SERIE E SERIAL

Mindhunter è una serie TV basata sul libro dell’ex agente dell’F.B.I. John Douglas Mind Hunter: Inside FBI’s Elite Serial Crime Unit (La storia vera del primo cacciatore di serial killer americano).

Nella prima stagione l’attore principale Jonathan Groff (che abbiamo visto in Glee) e il suo collega Holt McCallany hanno viaggiato attraverso gli Stati Uniti d’America intervistando alcuni tra i più famosi serial killer statunitensi, da Ed Kemper a Richard Speck passando per Jerry Brudos. Li abbiamo visti risolvere diversi casi utilizzando i progressi fatti grazie a queste interviste.

Seconda stagione

Nella seconda stagione, già annunciata da Netflix dato il successo della prima e in uscita a brevissimo (ancora senza data), proseguiranno le interviste ai criminali seriali. Tra le maggiori “star” del crimine lui, Charles Manson. Lui. Nella prima stagione nemmeno il nome è possibile fare dato ancora l’eco delle sue infami gesta.

Oltre al sanguinoso e difficile serial killer Manson, ci sarà la caccia alla mente criminale di Berkowitz, detto “il figlio di Sam”. Tex Watson, il braccio destro della Manson Family. Elmer Wayne Henley, complice di Dean Corll nell’abuso e tortura di 29 ragazzi in 3 anni. William Pierce Jr. William Henry Hance, conosciuto come Chairman of the Forces of Evil, e il suo emulatore Gary Carlton.
Paul Bateson
, il killer degli omosessuali. La stagione si concentrerà molto su la cattura di Wayne Williams, passato alla storia criminale come l’uccisore dei bambini di Atlanta.

MINDHUNTER UNA SFIDA NETFLIX VINTA

mindhunter serie

Netflix ha vinto la sua ennesima sfida. E’ stato prodotto da David Fincher (che per Netflix ha diretto i primi due episodi di House of Cards) e Charlize Theron, già produttrice della sfortunata serie tv Netflix Girlboss con Britt Robertson.

La serie tiene incollati allo schermo. Sia gli amanti delle serie crime, soprattutto psycho crime, per capire chi sono stati i nonni della B.A.U. di Quantico dell’FBI (tipo Criminal Minds). Sia i neofiti del genere perchè l’efferatezza della mente criminale, i protagonisti la trattano con profondo rispetto e senza giudizio.

Sale così la tensione emotiva quando siamo faccia a faccia con i serial killer (termine coniato proprio dalla squadra del negoziatore Ford). Nascono odio e pietà per menti umane deviate. La paura e il ribrezzo possono farla da padrone ma gli agenti riescono a tirar fuori da questi criminali anche i punti deboli. Il sesso, le perversioni, l’infanzia, le donne della propria vita, i genitori mancanti, gli abusi subiti.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here